“L’ultimo anno: 1943-1944. Genesi di una prospettiva”. Il 31 gennaio a Roma la presentazione del libro di Luca Meldolesi sugli scritti di Eugenio Colorni

Home » News » Eventi » “L’ultimo anno: 1943-1944. Genesi di una prospettiva”. Il 31 gennaio a Roma la presentazione del libro di Luca Meldolesi sugli scritti di Eugenio Colorni

Venerdì 31 gennaio 2020 alle ore 20:00, presso il Seminterrato di via Siena a Roma, sarà presentato il libro “L’ultimo anno: 1943-1944. Genesi di una prospettiva” (Rubettino Editore), raccolta di scritti di Eugenio Colorni, curata da Luca Meldolesi.

Il libro, quarto volume della serie dedicata agli scritti di Colorni realizzata dall’A Colorni-Hirshman International Institute, è dedicato alle attività e alle riflessioni del filosofo e politico socialista quando era, con il nome di battaglia Angelo, tra i dirigenti della Resistenza a Roma (fino a quando fu ferito a morte dalla Banda Koch, corpo di polizia parallela fascista).

Giuliano Vassalli, che fu vicino a Eugenio Colorni nella Resistenza, ha scritto “Ricordo Angelo, questo grande studioso, questo grande combattente della libertà anche come un uomo squisitamente politico, eccezionalmente bravo nell’attività politica, nella propaganda e nell’insegnamento che, pur poco più anziano di noi seppe darci”.

Dialogherà con il curatore Stefania Ficacci, responsabile per la ricerca storica dell’Ecomuseo Casilino, mentre Adriano Scaletta avrà il ruolo di moderatore.

Luca Meldolesi ha insegnato discipline economiche all’Università di Roma La Sapienza, all’Università della Calabria, alla Sorbona (Paris 3), alla Scuola superiore della pubblica amministrazione di Roma e all’Università Federico II di Napoli. Negli ultimi anni ha concentrato i suoi interessi di ricerca sul Mezzogiorno e sulla riforma dello Stato, con particolare riguardo ai sistemi di piccola impresa, all’occupazione e all’emersione delle attività e del lavoro, promuovendo una politica economica federalista per il Mezzogiorno e per il Paese. È membro del board dall’A Colorni-Hirshman International Institute.

Stefania Ficacci conduce ricerche sullo sviluppo storico e sociale delle periferie metropolitane nel Novecento, con particolare attenzione alle tematiche relative alle identità territoriali e alla conservazione e trasmissione della memoria storica dei territori. È socia fondatrice dell’Associazione Italiana di Storia Orale e autrice di un libro sulla storia del Fascismo e della Resistenza nel quartiere di Tor Pignattara.

Adriano Scaletta, sociologo, fa parte del direttivo dell’Associazione Italiana di Valutazione partecipa al Laboratorio di Valutazione Democratica. Dal 2015 è responsabile dell’area Unità Organizzativa Valutazione Performance Università ed Enti di ricerca dell’ANVUR.